«E ’n la sua volontade è nostra pace: ell’è quel mare al qual tutto si move»

Imola ore 21 – Oratorio di San Macario

Piazza Mirri 2 (dei Servi)

Dante e i nativi digitali: il Paradiso

3° incontro 13 gennaio 2015

Il canto III del Paradiso di Dante con pensieri, musiche e letture 

«E ’n la sua volontade è nostra pace:

ell’è quel mare al qual tutto si move»

Piccarda Donati: tra mito classico e carità cristiana 

Nel III canto del Paradiso Dante per la prima volta ha la possibilità di parlare con un beato: si tratta di Piccarda Donati, che si mostra al pellegrino nella sfera della Luna per essere venuta meno (suo malgrado) ai voti religiosi. Il canto di Piccarda è denso di figure retoriche e riferimenti letterari, perché per la prima volta Dante si misura con la descrizione delle atmosfere e dei dialoghi paradisiaci. Non è forse un caso allora che si insista sul tema della carità, fondamento e misura dell’armonia dei beati e del loro accordo con la volontà divina. Il personaggio e la sua vicenda terrena sfumano nella letizia del terzo regno, che trasforma radicalmente le anime e le fa risplendere di un “non so che divino”.

Commento al testo: Filippo Zanini

Al violino: Beatrice Martelli

Alla chitarra: Sebastiano Caroli

Lettura: Luciano Chiesi della Compagnia degli Accesi

2015-Dante-3incontroWEB

 

4° incontro  – 10 febbraio: «La giustizia degli uomini e quella di Dio».

5° incontro  – 10 marzo: «L’altezza dell’umiltà»

6° incontro  – 7 aprile: «Sperare contro ogni speranza».

7° incontro  – 5 maggio: Paradiso Canto XXXIII.

8° incontro  – Inizio giugno (anteprima di Imola in musica): «La missione profetica e il ritorno».

Lascia una risposta

Vai su