SPAZIO TEMPO – LA FISICA E LA CITTÀ: IL MODELLO VENEZIA PER LA GESTIONE DEI FLUSSI TURISTICI

Oratorio San Giacomo A.P.S. – SPAZIO TEMPO, Gruppo di divulgazione scientifica presenta:

LA FISICA E LA CITTÀ: IL MODELLO VENEZIA PER LA GESTIONE DEI FLUSSI TURISTICI
in compagnia di Armando Bazzani
Martedì 7 maggio – ore 20.45 – Villa Torano – Via Poggiolo, 4 – Imola

Armando Bazzani 7 maggio 2019

La Fisica ha recentemente riconosciuto l’intrinseca natura complessa di molti fenomeni naturali connessi alla vita che non si possono spiegare con un approccio riduzionista. Questo fatto ha aperto nuovi campi di ricerca nell’ambito della fi sica moderna, che ha iniziato a studiare i fenomeni osservati nei sistemi biologici, economici e sociali. Presso il Dipartimento di Fisica e Astronomia dell’Università di Bologna è stato fondato il Laboratorio di Fisica dei Sistemi Complessi proponendo l’idea di una Fisica della Città. Dallo studio di modelli per il tra co e la mobilità pedonale si è arrivati alla formulazione di un modello per lo studio dei fl ussi turistici a Venezia, basato sulla possibilità di creare una “Smart City” attraverso le nuove tecnologie di telecomunicazione. Tale modello verrà realizzato nella nuova Smart Control Room della città e potrebbe diventare un strumento di studio per uno sviluppo sostenibile dei fl ussi turistici nelle città d’arte italiane. Questa prospettiva se da una parte porterà vantaggi, anche economici, per la collettività, dall’altra contribuisce al dibattito sul pericolo di creare un “Grande Fratello” nella futura società.

Armando Bazzani, Nato a Padova, laureato in Fisica presso l’Università degli Studi di Padova nel 1987 con il massimo dei voti. Dopo un periodo di ricerca al C.E.R.N. entra nel programma di Dottorato di Ricerca in Fisica presso il Dipartimento di Fisica dell’Università di Bologna ottenendo il titolo di PHD in Fisica nel 1992 con una tesi su “Analytical properties of perturbative series and stability in beam dynamics”. Dal 1991 al 2002 è Ricercatore di Fisica Matematica presso il Dipartimento di Fisica e quindi Professore Associato di Fisica Matematica. Attualmente coordina il Laboratorio di Fisica dei Sistemi Complessi del Dipartimento di Fisica e Astronomia. È membro del Collegio di Dottorato in Geofisica e del Collegio Superiore dell’Università di Bologna, ha coordinato e partecipato a vari progetti di ricerca nazionali. È stato responsabile scientifico di convenzioni per il trasferimento tecnologico con UNIPOL, REGIONE EMILIA ROMAGNA e TIM che hanno come oggetto lo sviluppo di metodologie per l’analisi di dati georeferenziati da sensori MEMS. L’attività di ricerca riguarda la teoria dei sistemi dinamici e stocastici con applicazioni alla Fisica degli Acceleratori, lo studio di modelli matematici per le applicazioni ai sistemi biologici, cognitivi e sociali e l’analisi in tempo reale di grandi quantità di dati georeferenziati con applicazione alla dinamica del tra co e mobilità pedonale. L’attività di ricerca è testimoniata da più di 100 pubblicazioni su riviste nazionali ed internazionali.

 

SPAZIO TEMPO Armando Bazzani 7 maggio 2019

Lascia una risposta

Vai su